Info, news e approfondimenti sullo stress lavoro correlato

Combattere lo stress lavoro correlato: cinque modi

È noto ormai quasi a tutti che lo stress lavoro correlato è una patologia in forte espansione. Nel nostro Paese, come nel resto del mondo, sono in molti i lavoratori che almeno 1 volta a settimana affermano di essere troppo stressati dal lavoro. In Italia è considerato un tema così delicato, a tal punto che il Decreto Legislativo 81/08 ne riconosce i rischi per la salute del lavoratore e lo definisce come malattia professionale. Come tale, appunto, per valutare lo stress lavoro correlato è necessario l’intervento del medico competente che, attraverso la sorveglianza sanitaria, ne stabilisce la gravità e consegna al datore di lavoro il risultato da inserire nel documento di valutazione dei rischi.

Quindi, sappiamo che si tratta di una patologia. Sappiamo che la legge impone al datore di lavoro l’obbligo di valutarne i potenziali rischi per i lavoratori. Ma sappiamo come combatterlo? Dei consigli utili possono sicuramente ridurne la comparsa e gli effetti, ma ovviamente non possono essere considerati a tutti gli effetti una cura. Qui proponiamo cinque semplici suggerimenti.

Evitare di pensare ai momenti difficili

Per evitare che lo stress prenda il sopravvento, è opportuno evitare di ricordare momenti professionali non proprio felice, che hanno magari determinato in noi un senso di inquietudine e tristezza. Al contrario, è bene ricordare i momenti professionali sereni, quelli che hanno suscitato in noi un senso di realizzazione sul piano professionale e che hanno determinato un successo, piccolo o grande che sia.

Essere sempre positivi

È opportuno evitare di farsi prendere dalla negatività che spesso accompagna molti ambienti di lavoro. Pettegolezzi tra colleghi, regole d’ufficio o altro possono agire negativamente sulla vostra salute. Non lasciarsi coinvolgere e pensare sempre in positivo sono i passi più importanti da seguire per non finire nel turbine delle maldicenze.

Fare molte pause

Concentrare il momento di pausa solo per il pranzo è sbagliato. Uscire ogni tanto dall’ufficio o abbandonare la propria scrivania per qualche minuto ci distrae dal nostro lavoro e ci permette di far riposare il cervello.

Chiedere aiuto, se necessario

Ricordarsi che i colleghi non sono “mostri”, ma persone come noi. Parlare apertamente delle sensazioni negative che percepiamo mentre lavoriamo non è solo utile per evitare che questo generi in noi stress, ma serve anche a trovare insieme ai nostri colleghi delle soluzioni per migliorare la situazione.

Fare qualcosa di nuovo

Cambiare strada per andare in ufficio, mangiare fuori invece che davanti al pc, svegliarsi qualche minuto dopo o chiedere di ricevere nuovi incarichi può aiutare a risvegliare in noi sentimenti positivi legati alla novità del momento.

Post a Reply