Info, news e approfondimenti sullo stress lavoro correlato

Le conseguenze fisiche dello stress da lavoro correlato

Lo stress da lavoro correlato è sicuramente una patologia di cui si parla sempre più. Con l’arrivo del 2011 e l’obbligo di redigere il Documento Valutazione Rischi è stata messa in risalto l’importanza di riuscire a delineare come valutare lo stress lavoro correlato e gli effetti che possono colpire i soggetti esposti a stress a livello prettamente fisico oltre che mentale.

I sintomi principali attribuibili allo stress sono aumento della frequenza cardiaca e della pressione, irritabilità, mancanza di concentrazione, demotivazione, mancanza di energie.  In generale la sensazione che si prova è la stessa che si ha quando si dorme poco, ma non essendo quello la causa del malessere fisico si tende a cadere nello sconforto.

Ai sintomi fisici si associano quelli del disturbo del comportamento, il fumo e l’alcool peggiorano il malessere generale e non aiutano a stare meglio, la difficoltà a dormire peggiora i dusturbi elencati soprattutto la mancanza di energie e concentrazione. A lungo termine, se non opportunamente curato, lo stress continuo può comportare disturbi all’apparato cardiocircolatorio, respiratorio e digerente.

Inoltre partendo dal presupposto che lo stress a lavoro è causato anche da frustrazione mentale dovuta ad assenza di responsabilità, il soggetto tende a percepire uno stato mentale negativo che comporta, a livello fisico, una eccessiva produzione di adrenalina e cortisolo. L’eccessiva presenza, nel corpo umano, di queste sostanze comporta diverse tipologie di patologie a livello cardiovascolare.

Insomma lo stress lavoro correlato non ha solo conseguenze relative all’umore e alla produttività del soggetto lavoratore ma presenta delle ripercussioni prettamente fisiche che non possono assolutamente essere ignorate.
Torna a L’Esperto risponde

Post a Reply