Info, news e approfondimenti sullo stress lavoro correlato

Indicatori stress lavoro correlato, i rimedi del coping

Esistono dei rimedi tempestivi per arginare i primi sintomi da stress lavoro correlato prima che si trasformino in patologie?

Un buon modo per arginare da subito l’insorgere dei primi sintomi da stress da lavoro e indicatori stress lavoro correlato potrebbe essere il coping, o meglio le strategie di coping, che non sono  altro che tecniche di abilità nella gestione personale dello stress.  Il coping è un’attività personale, da rivolgere a se stessi, che rientra però negli interventi tempestivi di tipo cognitivo-comportamentali che medici competenti e psicologi del lavoro impostano sul paziente immediatamente dopo una prima diagnosi positiva.

Serve in sostanza a  evitare che un inizio di accumulo di tensione oltrepassi una certa soglia trasformando lo stato di stress in psicopatologia.  Un lavoro che il paziente deve compiere sulle proprie sensazioni che può essere un ottimo antidoto contro la nascita di problematiche a catena pesanti e poi più difficili da scardinare. L’insieme insomma delle strategie cognitive (o mentali) e comportamentali messe in atto da una persona per fronteggiare una situazione di stress. Un piano di azione attento con il quale il paziente viene indotto ad affrontare una situazione difficile, fastidiosa o dolorosa, adattarsi emotivamente a essa e reagirne di conseguenza.

Due sono i tipi, le direzioni del coping. Uno attivo e uno passivo.

Il coping attivo è rivolto all’esterno del paziente. Consiste nell’individuare la causa, la fonte dello stress e tentare di eliminarla. Non si tratta ovviamente di provvedimenti fisici o violenti, attenzione, non si può essere fraintesi assolutamente, ma di cercare di ricomporre la difficoltà e le domande che stanno a monte di un rapporto incrinato che genera disagio.

Il coping passivo è invece rivolto dentro se stessi. La gestione delle emozioni. Cercare di eliminare direttamente la sofferenza senza passare prima per lo scioglimento della causa. Ovvero nel caso in cui la fonte dello stress sia irriducibile, inarrivabile, diventerebbe quindi opportuno scendere in se stessi e capirsi fino ad alleviare il disagio stesso.

Si tratta quindi di accorgimenti primari, apparentemente semplici, ma che vengono segnalati come indispensabili per bloccare da subito sintomi da stress e stress lavoro correlato. Apparentemente semplici ma che in realtà inducono da subito il paziente verso un’analisi e un duro lavoro su di sé. Accorgimenti che potrebbero rivelarsi miracolosi.

Quote: il  coping è stato introdotto in psicologia nel 1966 dal Dott. R. Lazarus con l’opera “Psychological stress and the coping process”.

Torna a L’Esperto risponde

Post a Reply